News

Filtri

Testo

Anno

Mese

Chiusura Uffici

I nostri uffici saranno chiusi per ferie da Lunedì 12 a Venerdì 16 Agosto. Il nostro Servizio di Assistenza sarà comunque operativo per richieste urgenti, escluso giovedì 15 Agosto. Potete inviare una richiesta di assistenza all'indirizzo:assistenza@igesa.it, la stessa verrà evasa il prima possibile. Il centralino per le richieste di assistenza telefonica riprenderà il regolare funzionamento già da Lunedì 19.

Leggi di più ...

I ragazzi dell'Alternanza scuola-lavoro a contatto con il mondo Igesa.

Si è conclusa con il convegno del 23 luglio la prima fase del progetto Alternanza Scuola - Lavoro, che ha visto sette studenti dell'ITIS Torricelli di Sant'Agata di Militello partecipare attivamente alle lezioni operative dei nostri tutor Salvatore Bontempo e Leone Miceli prima e allo sviluppo di un videotutorial del nostro Pos Android dopo. Durante il convegno i ragazzi hanno avuto modo di presentare il tutorial realizzato "in aula" ed hanno accolto i partecipanti con una lavagna su cui hanno predisposti i QR code da scansionare per ricevere del materiale informativo. Ringraziamo i ragazzi per la partecipazione attiva al progetto, prezioso scambio di esperienze e di crescita reciproca, certi di rivederli presto!  

Leggi di più ...

Convegno "La Rivoluzione Digitale per i Consulenti e le Aziende"

Igesa è lieta di invitarVi al Convegno "La Rivoluzione Digitale per i Consulenti e le Aziende" che si terrà Martedì 23 luglio 2019 presso l'hotel "La Mia Valle". Il convegno, accreditato all' ODCEC, consente di maturare fino a 4 crediti formativi. VISUALIZZA IL PROGRAMMA COMPLETO! L'evento è su prenotazione, pertanto si chiede gentilmente la conferma della partecipazione che è possibile eseguire ai seguenti link: AZIENDE E CONSULENTI RIVENDITORI

Leggi di più ...

ENER J - problematiche risolte

  AGGIORNAMENTO ORE 15.00 Le comunichiamo che tutti i servizi del Portale dedicato alla Fatturazione Elettronica sono stati ripristinati. ORE 9.00 La informiamo che oggi 5 luglio si stanno registrando dei rallentamenti sull’infrastruttura che ospita i Portali di Fatturazione Elettronica. La causa del problema è in fase di analisi e contiamo di riportare la situazione alla normalità nel più breve tempo possibile.

Leggi di più ...

Adempimenti Precompilati: bundle in offerta fino al 30 giugno 2019

Siamo lieti di informare la clientela, che l'offerta speciale per l'acquisto del bundle "Adempimenti Precompilati" è stata prorogata al 30 giugno 2019.  Cogliamo l'occasione per anticiparLe che, con il rilascio del 20/06/2019, è possibile eseguire il prelievo dei file precompilati ISA dal Cassetto Fiscale dell'Agenzia delle Entrate. Il nuovo servizio consente di: effettuare la richiesta massiva ISA; prelevare i file massivi precompilati ISA per i soggetti per i quali è stata inviata la richiesta massiva; prelevare i singoli file precompilati ISA per i clienti di cui si dispone della delega al Cassetto Fiscale; importare i singoli file XML precompilati; visualizzare, con possibilità di stampa, i dati forniti dall’Agenzia delle Entrate.  Per quanto riguarda il servizio Bolli su FE Le ricordiamo che è terminato il periodo di prova gratuito per questa prima scadenza, relativa al primo trimestre 2019.   Nuovo webinar formativo  Per approfondire le funzionalità della nuova gestione ti invitiamo a partecipare ai Webinar, per Partner e Clienti, che si svolgerà:  - mercoledì 26 giugno alle ore 15:30  Link iscrizione   Per maggiori informazioni La invitiamo a contattare il nostro Ufficio Commerciale al numero 0941 912625 o scrivere all'indirizzo commerciale@igesa.it  Igesa S.r.l. Partner Bluenext

Leggi di più ...

Chiarimenti sulla data di emissione delle fatture immediate

Nelle fatture elettroniche immediate via Sdi, che dal 1° luglio 2019 possono essere emesse entro 10 giorni e non più entro le 24 del giorno di effettuazione dell’operazione, va indicata la data di effettuazione dell’operazione o la data in cui è corrisposto in tutto o in parte il corrispettivo, mentre quella di avvenuta trasmissione è assegnata direttamente dallo Sdi. E’ sempre la data indicata nella fattura che va riportata nel registro delle vendite quando si annota il documento. Fattura extra Sdi anche per spese “miste” - Per l’anno 2019 gli operatori sanitari non devono emettere la fattura elettronica tramite il Sistema di Interscambio per prestazioni sanitarie rese nei confronti dei consumatori finali, a prescindere dall’invio dei relativi dati al Sistema Tessera Sanitaria. Questo vale anche per le fatture “miste”, ovvero che contengono sia prestazioni sanitarie che prestazioni accessorie in un unico documento. Anche se l’operatore fattura separatamente le spese sanitarie rispetto a quelle non sanitarie, queste ultime devono essere fatturate elettronicamente solo se non contengono alcun elemento da cui sia possibile desumere informazioni relative allo stato di salute del paziente. Esterometro: esonerati i forfetari - La circolare chiarisce che l’esterometro è riservato solo ai soggetti obbligati ad emettere fattura elettronica e ne sono, quindi, esclusi i soggetti che si avvalgono del regime di vantaggio, i forfetari e le associazioni sportive dilettantistiche che hanno conseguito proventi dalle attività commerciali fino a 65mila euro. Le fatture e l’imposta di bollo -Ai fini del versamento trimestrale dell’imposta di bollo contano solo le fatture transitate attraverso lo Sdi, correttamente elaborate e non quelle scartate. Il documento di prassi ricorda anche il servizio che rende preventivamente noto l’ammontare dell’imposta dovuta sulla base dei dati presenti nelle fatture inviate tramite Sdi, riportando l’informazione all’interno del portale Fatture e corrispettivi e consentendo il pagamento non solo tramite modelli F24, ma anche con addebito su conto corrente bancario o postale.

Leggi di più ...

ISA: versamenti prorogati al 30 settembre

Approvato l'emendamento al Decreto Crescita che fa slittare il versamento delle imposte da parte dei soggetti che applicano gli ISA al 30 settembre. Viene accolto l’appello del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti che chiedeva una proroga, senza applicazione di interessi, al 30 settembreper i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi 2019, relative all’anno di imposta 2018 per i soggetti a cui si applicano i nuovi studi di settore, gli ISA (indici sintetici di affidabilità). Resta confermata la scadenza del 30 giugno per i contribuenti non interessati dagli ISA (ex Studi di Settore). Non è chiaro cosa accade ai soggetti esclusi per  vari motivi, ad esempio minimi o forfetari. Inizialmente la proroga rispetto all’iniziale scadenza del 30 giugno era stata concessa solo fino al 22 luglio, o il 21 agosto con la maggiorazione dello 0,40%, poiché il rinvio dei termini era stato inserito in un Dpcm che non poteva slittarli oltre 20 giorni. Ora, invece, con un emendamento al Decreto Crescita, la proroga è stata ampliata fino al 30 settembre. Scadenza entro la quale i soggetti che esercitano attività economiche, per le quali sono stati approvati gli ISA, dovranno versare in blocco IRES, IVA e IRAP, con le relative rate. Gli interessati sono:  “i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale, di cui all’art. 9-bis, del dl 50/2017”. Niente di fatto, invece, per l’altra importante richiesta del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti di rendere l’applicazione degli ISA opzionale, almeno per quest’anno. L’emendamento di Giulio Centemero e Raphel Raduzzi, relatori al Decreto Crescita, è stato presentato riveduto e corretto su iniziativa di Alberto Gusmeroli, Massimo Garavaglia e Massimo Bitonci (commercialisti ed esponenti della Lega), per poi essere approvato dalla Commissione Finanze della Camera. Con l’approvazione della Commissione Finanze della Camera, il Decreto Crescita ha concluso il suo iter e ora prederà il via la sua conversione in legge, probabilmente con una doppia fiducia sia alla Camera e al Senato.

Leggi di più ...

Scontrino elettronico: sei mesi senza sanzioni

Fino al 31 dicembre 2019 niente sanzioni per inosservanza obbligo di scontrino elettronico: emendamento al Decreto Crescita concede moratoria di sei mesi.   Sospensione di sei mesi per le sanzioni ai soggetti obbligati dal 1° luglio alla memorizzazione elettronica e alla trasmissione telematica dei dati dei corrispettivigiornalieri, ossia quelli con volume d’affari superiore a 400mila euro: è quanto previsto da un emendamento dell’ultima ora al Decreto Crescita. Fino al 31 dicembre 2019, dunque, ci sarà una moratoria sul cosiddetto scontrino online. Dal primo gennaio 2020, in pratica, scatteranno le eventuali sanzioni ed entrerà in vigore per tutti gli esercenti l’obbligo di cui all’articolo 17 del dl 119/2018. Resta comunque confermato l’esonero (temporaneo) dall’obbligo di trasmissione digitale dei corrispettivi per alcune tipologie di soggetti che effettuano attività di commercio al minuto e assimilate: tabaccai, giornalai, commercianti di prodotti agricoli, prestatori di servizi di telecomunicazione, radiodiffusione e di trasporto pubblico di persone e veicoli. => Corrispettivi telematici: basta la procedura web Esonero fino al 31 dicembre 2019 per i soggetti che effettuano operazioni marginali (che non superano l’1% del volume d’affari complessivo realizzato nel 2018) e le cessioni e prestazioni effettuate su mezzi di trasporto in viaggi internazionali. Il provvedimento di riferimento è il Decreto 10 maggio 2019 “Specifici esoneri, in ragione della tipologia di attivita’ esercitata, dagli obblighi di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi”, nella G.U. Serie Generale n.115 del 18 maggio 2019. FONTE

Leggi di più ...